Il maso "Wiesemannhof" è situato tra Anterselva di Sotto e Anterselva di Mezzo ad un' altitudine di 1250 metri.
Si tratta di un complesso di cui fanno parte quattro edifici: la vecchia casa contadina, il maso, il vecchio mulino e la nuova casa di abitazione. Al primo e al secondo piano si trovano quattro appartamenti.

Il nome "Wiesemannhof" deriva da tempi in cui il maso apparteneva ancora ad un' altra famiglia.
Secondo il diritto ereditario, il maso passa sempre al figlio maggiore, al fine di non smembrarlo e garantire il suo futuro.
Per questo motivo, il "Wiesemannhof" ancora oggi è uno dei masi più antichi della Valle Anterselva (noto dal 1.600)

Una testimonianza particolare del passato è il vecchio mulino ad acqua. Molti anni fa il piccolo ruscello che passa circa cento metri dietro il maso scorreva ancora per una ruota del mulino
che purtroppo non esiste più. All'interno del mulino però si trovano ancora molti oggetti storici.
A partire della macina pesante con la sua grande ruota dentata fino al contenitore di farina, vecchie botti e diversi secchi.


Chi guarda a questo mulino, non ha più bisogno di visitare un museo etnografico all'aperto.
Anche se la macina no si gira più, qui diventa visibile una parte importante della vita passata.
Un po` lontano dal cuore del maso, a circa 150 metri di distanza sulla strada stretta in direzione Anterselva di Mezzo,
si trova la cappella appartenente al maso.

Questa piccola casa di Dio è la più vecchia cappella della valle ed è stata risanata solo poco tempo fa.